sabato 19 maggio 2018

America perduta


Mi stavo, solo allora, adattando alle distanze americane, dove gli stati sono grandi come nazioni. L'Illinois è grande due volte l'Austria e quattro la Svizzera. C'è un impressionante vuoto, una impressionante distanza tra una città e l'altra. Attraversi un paese, vedi la cafeteria affollata e pensi: "Meglio arrivare a Fisima-City per bere il caffè", illudendoti che sia lì svoltato l'angolo. Poi, però, arrivi al bivio e un cartello annuncia: FISIMA-CITY 165 CHILOMETRI. È allora che ti rendi conto che le distanze in America hanno una scala differente.  
(Bill Bryson, America perduta)



Buon weekend lettori in pantofole! Oggi vi racconto qualcosa sulla mia ultima lettura: America perduta di Bill Bryson, terminato giusto la settimana scorsa. Dopo aver letto Una passeggiata nei boschi, non ho fatto passare molto tempo prima di cimentarmi nuovamente nella scrittura ironica e istrionica di Bryson. Certo, America perduta ha un taglio diverso, ma, ho scoperto, un viaggio con Bill vale sempre la pena con tutti i pregi e i difetti del caso... 

domenica 13 maggio 2018

It's raining books #20




Buona domenica, lettori in pantofole! Eccomi puntuale con il consueto appuntamento del weekend.  Ma questa settimana a tenerci compagnia non sarà una recensione bensì una chiacchierata sui miei ultimi acquisti in fatto di libri. Visto che molti di voi in questo momento si staranno godendo il Salone del Libro di Torino, dovrò consolarmi in qualche modo, no? 😜A parte gli scherzi, spero che anche quest'anno in moltissimi stiano affollando i padiglioni della fiera. Per parte mia non avevo proprio la testa per organizzare un viaggio a Torino, è un momento un po' particolare e sento solo il bisogno di rilassarmi e starmene a casa. Comunque sto seguendo un sacco di video e dirette sui vari social (Instagram in primis) e direi che anche quest'anno il SalTo si sta configurando come un evento imperdibile per i lettori italiani (e non). 
Ma veniamo a noi: questa settimana, puntuale come un orologio, è arrivato il pacco Feltrinelli che avevo ordinato...

domenica 6 maggio 2018

Thornhill


Mi hanno rubato il giardino. Ma non la mia camera. Ho ancora questo posto quassù. Ho i miei libri, i miei pupazzi e le mie parole in questo diario. Su queste pagine posso raccontare i miei pensieri come non posso fare fuori di qui. E li posso proteggere da loro. Questo è il mio posto, e loro non ci possono entrare. 
(Pam Smy, Thornhill)



Buona domenica, lettori in pantofole! Ormai mi rendo conto che riesco ad aggiornare il blog solo nel weekend, ne devo prendere atto 😂Comunque oggi sono qui per parlarvi di un libro che arriva direttamente dalla #bcbf2018 dove ho avuto la fortuna di farmi autografare una copia di Thornhill. Si tratta di una storia davvero particolare, a metà tra il romanzo e la graphic novel. Del resto Pam Smy è prima di tutto un'illustratrice e davvero in Thornhill parole e disegni si compenetrano senza soluzione di continuità...

domenica 29 aprile 2018

Una passeggiata nei boschi


Un cartello annunciava che non si trattava di un sentiero qualunque, ma del famoso Appalachian Trail. Con un'estensione di oltre 3400 chilometri lungo la costa orientale degli Stati Uniti, attraverso la catena placida e invitante dei monti Appalachi, l'Appalachian Trail è il capostipite di tutti i sentieri a lungo percorso. [...] Dalla Georgia al Maine taglia quattordici stati, attraverso morbide e piacevoli colline i cui nomi stessi - Blue Ridge, Smokies, Cumberlands, Catskills, Green Mountains - sembrano altrettanti inviti al viaggio.
    
(Bill Bryson, Una passeggiata nei boschi)



Buona domenica, lettori in pantofole! Come ve la passate? Oggi, complice il ponte del primo maggio, ho deciso di recuperare un po' di recensioni, anche perché le mie letture si stanno accumulando 😊E quindi eccomi a raccontarvi qualcosa di Una passeggiata nei boschi, romanzo che tra l'altro rappresenta il New Hampshire nella mia TBR list: 50 libri per 50 stati.
Bill Bryson è stato davvero una piacevole scoperta: scrittore e giornalista originario di Des Moines (Iowa) ha vissuto per lungo tempo in Europa e, una volta tornato in madrepatria, ha raccontato l'America con l'occhio disincantato di chi ne è stato a lungo lontano. Mi sono innamorata del suo stile ironico, del taglio comico che spesso assumono i suoi resoconti di viaggio che hanno poi il respiro e il ritmo del romanzo... ma avremo modo di riparlarne, intanto iniziamo dalla storia: